Le désir de regarder loin

Le désir de regarder loin è un progetto artistico partecipativo e un progetto fotografico sui ‘desideri di guardare lontano’ degli abitanti del nord di Marsiglia, luogo considerato come violento e degradato. La parola ‘desiderio’ significa ‘senza stelle’ per Ilaria Turba questo termine ha il significato, in questo tempo di crisi, di orientare se stessi in modo diverso, cercando di trovare dei nuovi orizzonti comuni, ‘guardare lontano’ è un invito a cambiare prospettiva. Questo progetto è il risultato di una residenza triennale presso le ZEF scène nationale de Marseille ed a giugno 2021 è stato presentato a Marsiglia presso il Mucem.

Ilaria Turba
(Como, IT, 1978)

Ilaria Turba utilizza come media privilegiati la fotografia, il video e l’animazione per la creazione di opere, installazioni, progetti site-specific e progetti di comunicazione. I suoi lavori sono il risultato di un percorso personale che intreccia sperimentazione visiva con altre discipline: scienze sociali, arti performative e storia orale. Identità e immaginari collettivi, rapporto tra presente e memoria attraverso oggetti, fotografie, storie e luoghi le tematiche principali della sua ricerca che include processi partecipativi e workshop.
Ha presentato i suoi progetti presso: Mucem, Marsiglia; Centre Pompidou, Parigi; Castello di Rivoli, Torino; Manifesta 13- Parallèle du Sud, Marsiglia; Brooklyn Children’s Museum, New York; Espace pour l’Art Contemporain, Nantes; Museo della Triennale, Milano. Nel 2020 vince l’Italian Council, promosso dal Ministero della Cultura Italiana.

> Maputo > Storie: Michela Depetris, Serena Pea, Ilaria Turba